mascherine sbiancanti

Lo mascherine sbiancanti è una procedura odontoiatrica che permette di migliorare il colore dei denti, rendendoli più bianchi. A questo primo tipo di sbiancamento, cosiddetto “cosmetico”, si affiancano altri tipi di sbiancamenti utili per risolvere discromie dentali, anche severe, dovute a patologie sistemiche (per esempio la fluorosi, disordini ematici, etc) oppure agli esiti di terapie con alcuni tipi di antibiotici (ad esempio, le tetracicline). I prodotti che vengono utilizzati a tal fine contengono principalmente perossido di idrogeno e perossido di carbammide, impiegati in varie concentrazioni a seconda della tecnica che si intende utilizzare e delle esigenze del paziente. Lo sbiancamento funziona grazie alla liberazione di ossigeno da parte del perossido di idrogeno o di carbammide nel momento in cui viene posto a contatto con i denti.

sbiancamento denti tecniche

Come sbiancare i denti: 5 metodi che funzionano

Per ottenere un sorriso smagliante è necessario sbiancare i denti in modo da eliminare qualunque macchia che intacchi il loro candore immacolato. Può apparire un sogno, specie se questo bianco luminoso non lo abbiamo mai potuto sfoggiare, perché magari la pasta dei nostri denti ha una tonalità più tendente verso il giallastro, e così lo sconforto ci assale. Quante volte siamo andati dal dentista per effettuare la pulizia della nostra dentatura, e siamo ritornati a casa mesti, con i denti certo più sani, liberi da tartaro e placca, ma sempre dello stesso colore… smorto. Così, ci capita di ammirare i sorrisi perlacei degli attori e delle attrici di Hollywood e sognare.Tuttavia, ora esistono metodi, anche casalinghi, per poter ottenere quasi gli stessi risultati. Sistemi che hanno il pregio di rendere bianchissimo lo smalto dei nostri denti, senza intaccarlo o impoverirlo. Vediamo come districarci tra le varie opzioni di sbiancamento dei denti (da effettuare a casa o dal dentista) e i relativi costi. Sbiancamento dei denti: sistemi professionali I sistemi sbiancanti professionali, sono naturalmente sicuri, perché supervisionati dal dentista, che valuta come operare caso per caso (quindi stabilendo la quantità di prodotto sbiancante individualmente, in base alla tipologia dei denti), con i minori effetti collaterali. Inoltre, sono generalmente un po’ più efficaci in termini di durata dell’effetto sbiancante (in media tra i 2 e i 5 anni), ottenuto in un tempo inferiore di trattamento rispetto ai sistemi fai da te. Si può ottenere fino ad uno sbiancamento di 15 tonalità rispetto al colore di partenza dello smalto, grazie all’utilizzo del perossido di idrogeno che non danneggia il dente. Unico difetto, ahimé, i costi, decisamente superiori allo sbiancamento fai da te. Ma vediamo quali sono i trattamenti professionali possibili. • Sbiancamento con mascherina a casa: in pratica, il dentista “costruisce” su misura per il paziente una mascherina a base di gel di perossido di carbammide in percentuali che variano dal 10% al 25% (a seconda dello sbiancamento da ottenere), che dovrà essere indossata di notte per una decina di giorni. In alternativa, se durante il sonno la mascherina dovesse dare fastidio, andrà indossata per almeno 2 ore durante il giorno. Il costo del trattamento si aggira intorno ai 450-500€ • Sbiancamento in-office: si effettua dal dentista e può essere di due tipi • Sbiancamento alla poltrona senza attivazione luminosa • Sbiancamento alla poltrona con attivazione luminosa In entrambi i metodi, viene utilizzato sui denti un gel a base di perossido di idrogeno al 35%, che viene lasciato agire per circa 45 minuti. Nel primo caso, da solo, nel secondo, con contemporanea esposizione ad una sorgente luminosa (lampada alogena, laser, plasma) che ne potenzia e accelera gli effetti. Senza attivazione, la seduta dura un’ora, con attivazione 20 minuti. Con questo trattamento in-office, attraverso una sola seduta è possibile ottenere uno sbiancamento spettacolare fino a 15 tonalità che dura anche 4-5 anni. Logicamente i costi sono un po’ più alti. Per una seduta senza utilizzo di lampada siamo intorno ai 500-600€, per seduta con attivazione, si sale fino a 700€ Sbiancamento dei denti: sistemi “fai da te” In commercio, venduti proprio come farmaci da banco in farmacia, esistono diversi prodotti sbiancanti “fai da te”, che seppure non promettono i medesimi risultati dei trattamenti professionali che abbiamo visto, comunque permettono di sbiancare i propri denti (specialmente se già abbastanza bianchi) in modo molto efficace e sicuro. Vediamoli. • I dentifrici sbiancanti: con un costo di 2-5€, potrete scegliere, invece del solito dentifricio al fluoro, paste più specifiche, che potrete usare tutti i giorni per la vostra igiene dentale e che, in più, vi offriranno un lieve sbiancamento o il mantenimento del bianco naturale dei vostri denti • Strisce: una confezione costa circa 50€ ed è costituita da strisce di polietilene sigillate, all’interno delle quali è posizionato un gel a base di perossido di idrogeno al 6%. Per applicarla (da canino a canino) si deve staccare una linguetta protettiva. Ogni striscia vale per un’arcata, quindi due strisce vanno applicate due volte al giorno (mattina e sera) lasciandole agire per mezzora. Il tutto per due settimane. I risultati sono buoni, specie il colore di partenza non è così disomogeneo. Eventualmente, salvo sensibilizzazioni individuali, si può reiterare il trattamento rimedio naturale per sbiancare i denti

Come sbiancare i denti in modo naturale?

Probabilmente non lo avresti mai sospettato: la curcuma che per secoli è stata usata come colorante naturale e una volta che ci entriamo in contatto lascia delle macchie gialle, è ottima per sbiancare i denti e l’effetto si nota già al primo lavaggio.

In realtà la proprietà sbiancante non è dovuta solo alla curcuma ma alla combinazione di tre ingredienti che davvero fanno miracoli per la bocca. Gli ingredienti per il nostro rimedio sbiancante in soli 3 minuti sono:

Curcuma. E’ una spezia meravigliosa dalle innumerevoli proprietà (ci sono circa 7000 studi scientifici sulla curcuma), ha proprietà anticancro, ripara il cervello, rafforza il cuore, migliora la digestione e se aggiunta al miele costituisce un potente antibiotico naturale e può anche essere utilizzata per sbiancare i denti. E’ inoltre efficace per alleviare il mal di denti e le infiammazioni delle gengive, grazie alle sue proprietà anti-infiammatore e antibiotiche.

Olio di cocco. Sta entrando sempre di più nelle nostre case grazie alle sue potenti caratteristiche curative confermati da molti studi scientifici: nutre i batteri buoni dell’intestino, protegge la salute cardiovascolare, anti-ulcera, antinfiammatorio, migliora l’assorbimento dei nutrienti. L’olio di cocco è benefico per i denti per il suo profondo effetto sbiancante, riduce la placca, disinfetta la cavità orale grazie alla sue proprietà antibatteriche, antivirali ed antifungine, riduce la sensibilità dei denti e risolve l’alito cattivo. L’olio di cocco facilita infine l’assorbimento del calcio da parte dell’organismo aiutando a sviluppare denti forti.

Bicarbonato di sodio. E’ il rimedio casalingo buono per tutto, ed anche per i denti. Infatti è un dolce abrasivo che contribuisce a rimuovere la placca, neutralizzare i batteri e rimuovere le macchie dai denti.

Ingredienti

4 cucchiaini di curcuma

3 cucchiai di olio di cocco

2 cucchiaini di bicarbonato di sodio

Preparazione

In una piccola ciotola unire la curcuma e il bicarbonato, mescolare e poi aggiunti l’olio di cocco. Con una forchetta mescola bene tutti gli ingredienti fino ad avere una pasta solida omogenea di colore arancione. La dose è sufficienti per circa 6 applicazioni.

Loading...
Immergi lo spazzolino in questa miscela e spazzola i denti per 2 minuti. Poi sciacqua bene la bocca con l’acqua.

Nota: non usarla tutti i giorni in quanto l’effetto abrasivo con l’uso prolungato può danneggiare lo smalto e le gengive.

Leggi anche

Triclosan messo al bando negli USA. La lista dei dentifrici e saponi intimi che lo contengono

Olio di Cocco. Pura Energia per rinforzare denti, ossa, fegato, tiroide e metabolismo

La maschera alla curcuma che elimina brufoli, punti neri e ringiovanisce la pelle

led sbiancamento denti

mascherine sbiancanti è una cosa che vorrebbero tutti. Lo sbiancamento dei denti però è di solito molto costoso e che ovviamente andrebbe fatto solamente in un centro specializzato che risponda a tutti i requisiti previsti. Ma è possibile sbiancare i denti a casa utilizzando soltanto metodi naturali. Ecco i più efficaci:

Uno dei migliori ingredienti che possono essere utilizzati per sbarazzarsi dei denti gialli. Mescola un quarto di cucchiaino di bicarbonato di sodio con un po’ di dentifricio, lavati i denti con questa miscela e risciacqua con acqua tiepida. Fallo una o due volte alla settimana. In alternativa, è possibile combinare il bicarbonato di sodio con succo di limone, aceto bianco, o perossido di idrogeno.

cat